MOBBING SUL POSTO DI LAVORO

Il mobbing sul posto di lavoro é una situazione conflittuale illecita tra le più pericolose, che possano accadere ad un dipendente in ambito lavorativo e che prelude ad un’imminente perdita del posto di lavoro. Il mobbing è un fenomeno complesso e, per prima cosa, é necessario capire la differenza tra un processo di mobbing e un lecito, per quanto serio, conflitto aziendale.

Si definisce mobbing un comportamento reiterato nel tempo da parte di una o più persone, colleghi o superiori della vittima, teso a respingere dal contesto lavorativo il soggetto mobbizzato che, a causa di tale comportamento in un certo arco di tempo, subisce conseguenze negative anche di ordine fisico. La pratica del mobbing sul posto di lavoro si distingue perché è un atto violento, intenzionale, condotto a livello psicologico, ripetuto nel tempo, finalizzato e produce danni a livello psicofisico.

Il mobbing strategico (voluto dall’azienda) é un preciso disegno di esclusione di un lavoratore da parte del datore di lavoro o del management che, con un’azione programmata e premeditata, intende realizzare un ridimensionamento delle attività del lavoratore o il suo allontanamento. Cosa, di norma, pone in atto il datore di lavoro, qundo tenta di allontanare il dipendente dal suo posto di lavoro? L’esperienza dimostra che la azioni più frequenti sono:

  1. demansionamenti. Il dipendente, in questo caso, viene assegnato ad una mansione diversa e non equivalente a quella originariamente gestita, senza che ce ne sia una effettiva necessità aziendale;
  2. svuotamento delle mansioni. Il dipendente viene lasciato nella sua mansione ma, in modo graduale, gli vengono tolte responsabilità al punto che, spesso, non è in grado di svolgere alcuna attività lavorativa;
  3. trasferimenti di unità. Il dipendente viene trasferito ad una nuova unità scelta, in modo da risultare estremamente sgradita, per motivi di lontananza, di maggiorazioni di spesa, di responsabilità non coerenti con il profilo del lavoratore;
  4. continuo cambiamento degli incarichi. L’azienda, in questo caso, tenta di stancare il dipendente, assegnandogli incarichi sempre diversi, per tempi talmente brevi che il lavoratore non riesce a espletare correttamente la sua attività;
  5. assegnazione di posti di lavoro isolati. Il dipendente viene fisicamente isolato dal suo gruppo, collocando il suo posto di lavoro in ambienti, talvolta, anche malsani;
  6. esclusione dalle riunioni di gruppo;
  7. sottrazione o non assegnazione di apparecchiature aziendali standard.

Questi comportamenti, secondo le leggi sul lavoro, non sono leciti e, pertanto, sono perseguibili legalmente.

vota i miei articoliProponi su Oknotizie
Home!

 

Per informazioni scrivi a:

contatore

PrintViadeoWordPressYahoo MailCondividi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>