CONTRATTO DI INSERIMENTO LAVORATIVO

Il contratto di inserimento lavorativo ha sostituito, con la riforma Biagi, il contratto di formazione e lavoro; questa è un altra forma contrattuale che si presta, frequentemente, a degli illeciti.

Cosa controllare quando si accetta un contratto d’inserimento formativo

L’obiettivo del legislatore è quello di favorire l’inserimento nel mondo del lavoro di giovani od il reinserimento di lavoratori e lavoratrici in situazioni socialmente difficili, concedendo, contemporaneamente, agevolazioni fiscali al datore di lavoro.

contratto inserimento lavorativo prevede che la persona assunta presti un’attività lavorativa che sia, però, inquadrata in un progetto di carattere formativo; è su questo aspetto che molto datori di lavoro non rispettano la normativa.

Potete fare alcuni controlli, se siete state assunti con un contratto inserimento lavorativo:

  • Vi deve essere stato presentato, al momento dell’assunzione, un seppur minimo piano di formazione.
  • L’azienda dovrebbe aver indicato un suo dipendente a cui voi dovreste riferirvi per l’attuazione del piano di formazione.
  • Le mansioni che vi viene richiesto di svolgere devono essere coerenti con l’oggetto del piano di formazione. State attenti se vi viene richiesto di svolgere, solamente, attività estremamente semplici che non richiedono alcun intervento formativo (esempio fotocopie per tutto il giorno).
  • Il piano di formazione deve essere attuato secondo i tempi previsti.
CONTRATTO DI INSERIMENTO LAVORATIVO ultima modifica: 2009-02-05T17:29:52+00:00 da pps9000
Share
Questo articolo è stato pubblicato in Contratti di lavoro e taggato come , il da

Informazioni su pps9000

Laureato in Chimica Industriale, maturo le prime esperienze professionali, nelle funzioni Vendita e Marketing, in società multinazionali americane del settore Farmaceutico. Divenuto dirigente assumo diversi incarichi sino a diventare Responsabile della Funzione Risorse Umane nella sussidiaria italiana della Pharmacia S.p.A. Ho pubblicato libri ed ebook per la Franco Angeli, la Bruno Editore e la Wide Edizioni. Sono amministratore del blog " Il lavoro dipendente".