CONTRATTI A TERMINE: QUANDO SONO LECITI

Leggo, sul Portale per le PMI, l’articolo La gestione dei contratti a termine, così sottotitolato

tutto quello che bisogna sapere per non infrangere le norme e prolungare gli accordi oltre i 36 mesi

L’uso improprio dei contratti a termine

Raccomando caldamente, a chi avesse in atto dei contratti a termine, di leggere l’articolo; è la lampante dimostrazione che, utilizzando in modo lecito le leggi promulgate(legge 247 del 2007 e decreto n.112 del 2008) i datori di lavoro possono trovare i modi e le strade per trasformare rapporti di lavoro flessibili in rapporti di lavoro precari. Avevo già espresso dei dubbi nel mio post del 16 maggio 2009 Contratti a tempo determinato sulle reali possibilità, per il dipendente, di vedersi trasformato, dopo 36 mesi il contratto a tempo determinato in un contratto a tempo indeterminato. L’unica efficace legge, per mettere fine ad un uso improprio dei contratti a termine, sarebbe quella d’impedire il prolungamento di tale tipo di contratto, trascorsi i 36 mesi, per lo stesso ruolo con lo stesso soggetto, senza alcuna deroga, e vietare la sottoscrizione di un nuovo contratto a tempo determinato, per lo stesso ruolo, con un soggetto diverso dal precedente possessore.

T

 

CONTRATTI A TERMINE: QUANDO SONO LECITI ultima modifica: 2009-09-09T15:15:34+00:00 da pps9000
Share