Quali interventi sono ipotizzabili per diminuire il precariato in Italia?

Il sasso lanciato da Tremonti, sulla relazione tra stabilità sociale e stabilità del  posto di lavoro, ha provocato la reazione degli oppositori politici, che lo accusano di pura ideologia poichè alle parole non corrispondono fatti concreti per diminuire il precariato in Italia.  Lo scontro ha motivazioni squisatamente politiche, poiché, se ci si soffermasse ad analizzare cosa in concreto ha creato così tanto precariato, ci si accorgerebbe che esistono soluzioni su cui l’accordo per controllarlo non é impossibile.

L’utilizzo scorretto delle norme sul lavoro è fonte di precariato

Ci vorranno diversi post per esemplificare tutte le situazioni più evidenti che, però, sono riconducibili a due comuni denominatori:

  1. le norme, che oggi regolano l’utilizzo degli ammortizzatori sociali e della variegata contrattualistica del lavoro, non sono in grado di impedirne un’uso illecito o socialmente scorretto, da parte degli imprenditori;
  2. i controlli da parte degli Ispettorati del lavoro non sono efficaci sia per deficienza di personale che, talvolta, per incompetenza.

Il primo esempio é quello relativo al contratto a tempo determinato; é a tutti noto che oggi, nel pieno rispetto delle norme in atto, un imprenditore può trasformare un rapporto di lavoro a tempo indeterminato in uno a tempo determinato. Egli, infatti, alla scadenza di un contratto a tempo determinato  può rinnovarlo, rispettando alcune clausole più formali che sostanziali, praticamente all’infinito, sostituendo ogni volta un nuovo lavoratore, nella stessa mansione del precedente dipendente. Chi come me é a contatto con il mondo del lavoro sa benissimo che é una procedura diffusissima, non motivata da eventuali prestazioni negligenti dei lavoratori. Questa pratica provoca chiaramente precarietà nei rapporti di lavoro; la soluzione  é semplice. Sarebbe sufficiente impedire il rinnovo del contratto a tempo determinato, una volta scaduto il tempo massimo di tre anni, per la stessa posizione e l’imprenditore avrebbe la scelta o di cancellare la posizione dalla sua organizzazione o di assumere il dipendente a tempo indeterminato.

Quali interventi sono ipotizzabili per diminuire il precariato in Italia? ultima modifica: 2009-10-22T11:24:58+00:00 da pps9000
Share