LA GESTIONE DEI CONFLITTI; GLI ESEMPI NEGATIVI DELLA POLITICA

Le

Foto del presidente berlusconi

Foto del presidente berlusconi

Le dichiarazioni politiche di questi giorni, che sono seguite all’attentato a Berlusconi , sono un esempio di come non ci si dovrebbe comportare nella gestione dei conflitti. Non si vuole quì innescare un dibattito politico, poichè questo blog non sarebbe la sede appropriata, ma si vogliono trarre degli insegnamenti sulle tecniche di gestione dei conflitti, prendendo spunto dai comportamenti messi in atto dai politici, in questo particolare momento. Un fatto eccezionale, come l’attentato a Berlusconi, ha portato l’ufficio di presidenza del PDL ad emettere un comunicato in cui si affermava

La necessità che la democrazia in Italia possa avvalersi di un patto democratico tra le maggiori forze politiche che segni chiaramente i confini della normale dialettica politica, pur a volte anche aspra, e apra una stagione nuova in cui una legittimazione reciproca tra le forze politiche conduca ad un abbandono di ogni scorciatoia giudiziaria, premessa indispensabile per una stagione di riforme costituzionali da lungo tempo attese, da quella della giustizia a quella della forma di governo

Questa dichiarazione, interpretata secondo le tecniche di gestione dei conflitti, rappresenta il primo passo, teso a identificare gli obiettivi che si vuol raggiungere e le azioni o comportamenti della controparte, che ne impediscono la realizzazione. Sarà chiaro, solo nei prossimi giorni, quanto sia reale questa apertura; la prima risposta, però, di quelle parti politiche che si sono date disponibile ad iniziare un dialogo é stata:

siamo pronti a negoziare ma la controparte deve ritirare tutte quelle iniziative che sono o

sembrano studiate per gli interesse personali di Berlusconi.

Quello che voglio far notare a coloro che s’interessano di gestione dei conflitti non é se la richiesta, di per se, é giusta o sbagliata, ma la non correttezza temporale della dichiarazione. E’ un controsenso, nella gestione dei conflitti, fare delle dichiarazioni di principio, prima ancora di mettersi a sedere al tavolo negoziale, poichè il messaggio che si lancia é; o accetti la mia posizione o non sono interessato a discutere. Conclusione: o i politici non conoscono minimamente le tecniche di negoziazione o non sono per niente disponibili a trovare soluzioni concordate, con il classico atteggiamento win/win.

T

LA GESTIONE DEI CONFLITTI; GLI ESEMPI NEGATIVI DELLA POLITICA ultima modifica: 2009-12-19T17:50:53+00:00 da pps9000
Share