Incentivo all’esodo. Istruzioni

Ho voluto sincerarmi quanto fosse diffusa la prassi sindacale di chiedere una percentuale sull’incentivo all’esodo, a fronte dell’assistenza da loro fornita ai dipendenti che accettano di firmare una risoluzione consensuale del rapporto di lavoro, nel corso di processi di riduzione del personale.

Non è giustificata la richiesta sindacale di ricevere una percentuale sull’incentivo all’esodo

La prassi, dalle informazioni che raccolgo, non sembra uniformemente diffusa sul territorio nazionale e, comunque, dato l’alto numero di processi di riduzione del personale, sta creando dubbi e domande sulle liceità da parte dei dipendenti coinvolti. Ci sono due momenti distinti nell’intervento sindacale nei processi di mobilità; quello della trattativa con l’azienda, per determinare i criteri di licenziamento ed, eventualmente, di calcolo per l’incentivo all’esodo, e quello di rappresentanza del singolo lavoratore, all’atto della ratifica in sede sindacale degli accordi di risoluzione consensuale del rapporto di lavoro.

Il maggior impegno dei sindacati é durante le trattative  con l’azienda,per negoziare le procedure di mobilità, quindi, nel caso si volesse riconoscere loro delle spese accessorie, queste sarebbe giusto distribuirle su tutto il personale dell’azienda e non solo sui malcapitati che poi saranno licenziati. La ratifica dell’accordo in sede sindacale, tranne rari casi, é richiesta dall’azienda per evitare o limitare i casi d’impugnazione post accordo, tanto é vero che molte aziende pagano di tasca propria le quote per i dipendenti non iscritti al sindacato che li assisterà.
I pochi casi, nei quali é il dipendente ad avere l’interesse di ratificare l’accordo, sono quelli nei quali l’azienda intende rateizzare il pagamento di TFR ed incentivi, o quando si da disponibile a rivedere l’accordo, a fronte di modifiche legislative sulla maturazione del diritto al pensionamento, o, infine quando si abbiano forti dubbi sulla correttezza dei comportamenti aziendali.

Tranne questi casi, certamente limitati, il dipendente potrebbe benissimo fare a meno della ratifica dell’accordo, quindi non si capisce in base a quali considerazioni i sindacati pretendono il pagamento di una percentuale sull’incentivo all’esodo dei dipendenti che perdono il posto di lavoro.

Incentivo all’esodo. Istruzioni ultima modifica: 2011-11-21T17:57:11+00:00 da pps9000
Share