Evoluzione del blog Il lavoro dipendente

 

Devo raccontare ai miei lettori quando e come è nato il blog dedicato ai problemi connessi con il lavoro dipendente, poiché a breve potrebbero cambiare le condizioni della sua gestione Terminata quasi completamente  nel 2008 la mia attività come consulente aziendale, entrai in contatto con l’ing. Bruno, editore indirizzato alla valorizzazione del libro elettronico, l’allora poco conosciuto e-book.

Nasce il programma di affiliazione con la Bruno Editore

Affascinato da questa nuova versione  del libro,che doveva essere scaricato sul computer per  essere letto, mi convinsi che avrebbe avuto nel tempo un grande successo commerciale e proposi alla Bruno Editore il mio primo e-book “Capi non si nasce”. Si poneva il problema di  farmi conoscere come autore, nel campo della letteratura dedicata alle aziende e l’Ing. Bruno mi suggerì di realizzare un programma di affiliazione con la sua casa editrice. L’affiliazione consiste nella realizzazione di un blog o di un sito, avendo per oggetto la trattazione di tematiche sulle quali l’amministratore può vantare una profonda ed indiscussa esperienza, derivatagli dai suoi studi o dalla sua attività lavorativa. L’amministratore deve accettare l’inserimento nel suo blog dei così detti banner, elementi grafici promozionali sui prodotti dell’azienda con cui ha concluso l’affiliazione; è ovvio che, attraverso complesse connessioni web, l’amministratore riceve una percentuale per ogni prodotto che risulta venduto attraverso un contatto realizzato sul suo blog. Mi sembrò logico, a quel tempo, scegliere come argomento del blog la tematica del “lavoro dipendente” sia perché rappresentava la mia maggiore esperienza negli ultimi anni di carriera nella funzione del Personale (o Risorse Umane come oggi è di modo identificare tale funzione), sia perché nel già ampio listino della Bruno Editore erano presenti molti e-book sull’apprendimento e sullo sviluppo personale.

L’evoluzione del blog il lavoro dipendente

Il blog si è evoluto, forse a causa dei particolari momenti di crisi, da fonte di informazione per gli imprenditori a fonte di consultazione per i lavoratori, che non ho affatto scoraggiato perché, tra le altre considerazioni, era anche un modo di fornire aiuto a persone che erano state meno fortunate di me nella loro vita lavorativa. Chi ha consultato e consulta il blog sa che le risposte ed i suggerimenti sono sempre stati forniti gratuitamente, ma nel contempo si sono evidenziati due fattori di criticità:

  • Il numero di visitatori è cresciuto in modo esponenziale al punto che, alla fine del 2011, è stata raggiunta la quota di circa 85.000 contatti. E’ comprensibile che l’impegno per gestire il blog e la sezione commenti è diventato significativo, al punto che i lettori potranno notare come molti interventi siano fatti nei week end o a tarda ora di notte.
  • Il programma di affiliazione ha dato risultati insignificanti sia per quello che riguarda l’acquisto dei miei libri, sia per quello che riguarda l’acquisto degli altri e-book proposti dalla Bruno Editore.

Ciò non vuole essere una critica ai frequentatori del blog che, evidentemente, sia perché spesso costretti a gestire situazioni molto gravi sia perché non interessati agli argomenti proposti, non hanno ritenuto opportuno effettuare acquisti di e-book. E’ altrettanto comprensibile che tale situazione non è più accettabile da parte mia, poiché non vedo alcun ritorno ai miei impegni sia di tempo che di denaro; non ho alcuna intenzione, per adesso, di chiedere delle donazioni o addirittura di porre delle tariffe per la consulenza on line, ma sono alla ricerca di soluzioni che rendano più produttivo mantenere attivo questo blog, per il quale ho avuto parecchie espressioni di apprezzamento. La prima soluzione che adotterò sarà quella di alternare articoli specifici sulle tematiche del lavoro a recensioni di e-book che, se spiegati ed approfonditi potrebbero creare un pubblico di potenziali acquirenti; in altre parole il blog assumerà un taglio maggiormente commerciale, nella speranza che questo non faccia diminuire l’interesse di tutti quelli che lo hanno seguito sino ad oggi.

Evoluzione del blog Il lavoro dipendente ultima modifica: 2012-02-15T18:51:52+00:00 da pps9000
Share