Contribuzione volontaria antecedente al 2007

Ho notato, analizzando diversi forum che si occupano del problema degli esodati e dei salvaguardati, che sta emergendo un problema interpretativo per quanto riguarda la contribuzione volontaria con autorizzazione precedente al 2007. La domanda che viene posta agli esperti verte sui criteri che devono essere adottati per determinare le date di pensionamento, a seguito della nuova riforma delle pensioni.

Chi ha una contribuzione volontaria prima del 2007 avrebbe diritto ad entrare nel primo gruppo dei salvaguardati

Riassumo, a beneficio di coloro che si trovano nella condizione succitata, le conclusioni che si possono trarre da alcune incontestabili evidenze:

  1. l’articolo 1, comma 8, legge n. 243 del 2004 poi modificato dalla legge n. 247 del 2007, prevedeva che le disposizioni in materia di pensionamenti di anzianità, vigenti prima della data di entrata in vigore di quella legge, continuassero ad applicarsi ai lavoratori che, entro il 20 luglio 2007, erano stati autorizzati alla prosecuzione volontaria della contribuzione. Tale disposizione, mai annullata, risulta, pertanto, ancora efficace;
  2. la circolare Inps n. 35 del 2012 ed il messaggio inps numero 13343 del 9 Agosto 2012, interpretativi delle modalità di fruizione dei primi 65 mila salvaguardati, prevedono che le vecchie regole continuano ad applicarsi ai soggetti che sono stati autorizzati alla prosecuzione volontaria prima del 4 dicembre 2011, pur sottolineando che il decreto Fornero del 1° giugno 2012 ha imposto nuovi requisiti ai lavoratori in oggetto, che ricordiamo sono:
    •  il lavoratore deve essere stato autorizzato al versamento volontario dei contributi   antecedentemente alla data del 4/12/2011;
    • non deve risultare rioccupato dopo l’autorizzazione;
    • deve possedere almeno un contributo volontario accreditato o   accreditabile al 6/12/2011
    • deve possedere i requisiti previsti dalla legge previgente per cui la decorrenza massima pensionistica risulti entro il 6/12/2013.

Sembra, dunque, ovvio che il lavoratore con contribuzione volontaria antecedente al 2007 e che risponda agli ulteriori requisiti richiesti dal decreto Fornero possa accedere alla pensione con 57 anni di età, 35 di contributi più la «finestra» (pari a 12 mensilità per i dipendenti e 18 per gli autonomi). Stante quanto sopra, il lavoratore che risponda alle predette caratteristiche dovrebbe aver ricevuto da parte dell’INPS una comunicazione con cui li si  individua tra i potenziali beneficiari dei criteri di salvaguardia Qualora la suddetta comunicazione non fosse pervenuta agli interessati, si può richiedere, avvalendosi del supporto di un Patronato, l’inserimento del proprio nominativo all’interno della lista dei beneficiari.

Contribuzione volontaria antecedente al 2007 ultima modifica: 2012-09-17T12:46:52+00:00 da pps9000
Share