Formazione e mercato del lavoro

Prendo spunto dalla sempre molta accurata indagine che la Union Camere ed il Ministero del Lavoro fanno periodicamente sul andamento del mercato del lavoro, per sottolineare ancora una volta la distorsione esistente nel nostro paese tra la domanda e l’offerta di lavoro.
Non mi stancherò mai di sottolineare ai giovani e ai loro genitori di scegliere gli indirizzi di studio, prendendo in seria considerazione i dati che emergono da queste indagini; è incredibile che, in un paese come il nostro con una disoccupazione giovanile maggiore del 30%, avvenga che su 460 mila assunzioni non stagionali, previste per il 2012, circa 65 mila siano rimaste vacanti, poiché le aziende non hanno trovato alcun valido candidato.
Quali sono le posizioni che il nostro mercato del lavoro cerca, incontrando notevoli difficoltà a ricoprirle? L’analisi dei dati dell’indagine ripropone il problema della formazione e mercato del lavoro; se da un lato è vero che molti posti rimangono vacanti per la precarietà delle offerte, dall’altro è vero che il sistema scolastico e universitario continua a sfornare laureati e diplomati in settori che sono saturi e con scarse opportunità per il futuro (vedi insegnanti, avvocati e medici). Il mercato del lavoro, a livello di laureati, continua ad avere bisogno di ingegneri, progettisti di sistemi informatici, progettisti meccanici e di impianti industriali; pensate che un quinto di queste opportunità di lavoro rimane inevasa. La situazione, seppure meno significativa, si ritrova per i diplomati, per i quali le maggiori difficoltà di reperimento s’incontrano nel settore dell’arredamento e delle telecomunicazioni.
Le ragioni di questa paradosso del mercato del lavoro, secondo gli esperti di Union Camere, risiedono dunque in due fattori:

  1. esiste un’offerta talmente poco appetibile da renderla non accettabile neanche a chi è realmente interessato a trovare un posto di lavoro;
  2. è inadeguata la formazione continua che, sulla scorta di modelli esteri, dovrebbe portare i giovani a maturare esperienze lavorative durante la fase di studio, in modo da permettergli di maturare le loro scelte in maniera più consapevole e a farsi apprezzare dalle aziende.
Formazione e mercato del lavoro ultima modifica: 2012-12-10T22:06:23+00:00 da pps9000
Share